L’ideologia gender è contro l’Islàm

Un’intervista all’imam di acilia

Questa breve intervista è apparsa sul sito www.notizieprovita.it . Le parole dell’Imam Mohamed sono semplici e chiare, e la contrarietà dei musulmani all’ideologia gender ne risulta inequivocabile.

No gender, no unioni civili:
Mussulmani in piazza il 20 giugno

Anche per l’Islam vale la legge naturale (che dovrebbe valere per ogni essere umano).
E quindi anche per i Musulmani il gender e le unioni civili  sono un abominio.

L’Imam della Moschea di Acilia, Mohamed, ha gentilmente risposto ad alcune domande a proposito della prossima manifestazione del 20 giugno a San Giovanni.

Cosa ne pensa, Imam, dell’introduzione dei progetti educativi scolastici ispirati dall’ideologia del gender?

– Sono assolutamente contrario, si tratta di progetti contro natura. La nostra Moschea di Azhar in Egitto (v. foto), nostra suprema autorità, ha già concordato con il Vaticano una comune opposizione a queste teorie che danneggiano la sana crescita dei bambini e li confondono.

Acilia

La moschea di al-Azhar al Cairo.

Cosa pensa delle unioni civili e del matrimonio tra persone dello stesso sesso?

-Si tratta di un gravissimo peccato contro Dio e contro l’uomo. I matrimoni possono solamente essere fra uomini e donne per poter far crescere una famiglia e beneficare tutta la società.

E delle adozioni per gli omosessuali?

-Una cosa assurda, immorale e contro natura che danneggia terribilmente la crescita dei bambini. Ogni bambino ha bisogno di un padre e di una madre. Sia le adozioni che i matrimoni gay sono vietati nei paesi musulmani.

Chi deve educare i bambini, riguardo l’educazione sessuale, lo Stato o i genitori?

– I genitori in seno della famiglia hanno una grande responsabilità di educare i loro figli in maniera giusta ed appropriata, all’età giusta ​, soprattutto per questi temi delicati. La scuola deve collaborare con loro. Quindi principalmente i genitori sono responsabili dell’educazione dei propri figli. Noi musulmani abbiamo un vecchio detto “la mamma è una scuola che devi seguire per migliorare te stesso e la società “.

Pensa che i Musulmani parteciperanno alla manifestazione del 20 giugno?

– Penso di ​sì poiché dobbiamo tutti essere uniti in difesa della famiglia e degli esseri più deboli ed indifesi: i nostri bambini.

Toni Brandi

12/06/2015 alle 10:31

Antonio Brandi  Notizie Provita 

I commenti sono chiusi.