L’ideologia del gender è satanica

E la Lega se n’è accorta. Ora tocca agli altri

E’ sempre più raro vedere e sentire, all’interno delle nostre istituzioni repubblicane, manifestazioni di verità. Parlare di Satana, poi, dentro a quello che senza dubbio assomiglia sempre più ad un tempio satanico, sembra addirittura un comportamento surreale. Per questo, evidenziamo questa manifestazione della Lega al Senato, senza voler significare nostro appoggio incondizionato alle posizioni della Lega. Il vero nemico dell’umanità infatti, e nel nostro caso dei nostri figli, non è solamente il politico che infila l’ideologia gender dentro la “riforma della scuola”, sebbene questi rappresenti senza dubbio la prima fila del nemico. Il nemico vero è Satana, in spirito, e, nella carne, le persone fisiche che tirano le fila del tutto, gli adepti della/e Massoneria/e Satanica/e che aspira/no al Governo Mondiale. Diamo atto alla Lega di aver chiamato “le cose col loro nome”.

Scuola:
Lega srotola striscione in aula:
“Difendiamo i nostri bambini dalla scuola di Satana”

Lega_html_66ba71c5

ROMA, 25 GIUGNO – “Difendiamo i nostri bambini dalla scuola di Satana”, così recita lo striscione srotolato dalla Lega Nord in aula per protestare contro l’introduzione prevista dalla riforma della scuola di Matteo Renzi di lezioni sulla teoria gender. Quella visione antropologica  secondo la quale non esiste più distinzione tra i sessi, maschio/femmina.

E’  arrivata anche al senato grazie al Carroccio la protesta di un milione di persone che in piazza a Roma sabato ha manifestato in difesa della famiglia naturale e contro la cultura gender.   Per Stefano Candiani, senatore della Lega Nord, “E’ vergognoso che in questa riforma non si parli di famiglia – l’unica che per altro esiste – e di educazione, ma di assurde e malsane teorie. Mi chiedo con che faccia i senatori del Nuovo Centro Destra scendano in piazza e blaterino nei salotti tv di tradizione e famiglia quando alla prova dei fatti  svendono i nostri valori in cambio della poltrona di Alfano”.

I commenti sono chiusi.