Il Vaticano dice no al gender

Intervista a Gianfranco Grieco

Il Vaticano è intervenuto ufficialmente per appoggiare la manifestazione contro l’ideologia gender, che si terrà sabato 20 giugno a Roma, dalle 15,30 a Piazza San Giovanni. Riportiamo qui una breve intervista a Gianfranco Grieco, portavoce del Pontificio Consiglio per la Famiglia, apparsa su alcuni siti web. Importante anche nel sottolineare il carattere aconfessionale della manifestazione.

Dicastero Famiglia sostiene manifestazione no-gender a scuola

Il Pontificio Consiglio per la Famiglia augura successo alla manifestazione "Difendiamo i nostri figli".

Il Pontificio Consiglio per la Famiglia augura successo alla manifestazione “Difendiamo i nostri figli”.

15/06/2015 14:36

Il Pontificio Consiglio per la Famiglia augura pieno successo alla manifestazione convocata per il prossimo sabato 20 giugno alle 15:30 in piazza san Giovanni in Laterano a Roma dal Comitato “Difendiamo i nostri figli” dall’ideologia gender. In un messaggio firmato dal presidente del dicastero vaticano, mons. Vincenzo Paglia, si ricorda l’attenzione del Papa ai temi della famiglia, cellula fondamentale della società. Di ieri il rinnovato appello del Santo Padre a reagire alla “colonizzazione ideologica” del gender nelle scuole. Al microfono di Paolo Ondarza il portavoce del Pontificio Consiglio per la Famiglia, padre Gianfranco Grieco:

Continua a leggere

L’invasione degli ultracorpi

Lo sviluppo dell’ideologia gender secondo la Dott. Frezza

La cosiddetta “teoria del gender” non è nata ieri, né l’altro ieri. E’ un progetto satanico che va avanti da anni, finanziato da gruppi economici potentissimi e da elite massoniche che mirano al Governo Unico Mondiale, e che per raggiungere l’obbiettivo hanno bisogno di ridurre uomini e donne a individui soli e decostruiti, dunque deboli, insicuri e facilmente manipolabili. La Dott. Frezza fa parte dell’Associazione Giuristi Per la Vita, che fa meritoria opera di controinformazione sul gender e su temi analoghi come aborto, utero in affitto, omosessualità, ecc. In questo video ci fa conoscere il metodo di penetrazione dell’ideologia gender nelle istituzioni, e soprattutto nelle scuole. Da vedere e ascoltare con attenzione.

La teoria del gender non e’ scienza

Una conferenza di Chiara Atzori

In tre quarti d’ora, una panoramica sintetica ma efficacissima degli aspetti anti-scientifici della cosiddetta teoria del gender, cenni sulla sua genesi e approfondimenti sugli aspetti ideologici e filosofici. Un video fondamentale per introitare in breve tempo tutte le problematiche fondamentali della questione.

La dott.ssa Chiara Atzori è immunologa presso l’Ospedale Sacco di Milano.

I pannolini sono sessisti

La Huggies censurata

Questo articolo è pubblicato da Le Maif Pour Tous e Pro Vita. Esempio lampante di come vengano addirittura minacciate le aziende che semplicemente, per meglio promuovere i loro prodotti, si permettono di indirizzarli specificamente ai maschi e alle femmine! Le iniziative qui sotto proposte sono da implementare!

Gender – Sessismo dei pannolini Huggies: l’autorità interviene

C’è ancora chi dice che l’ideologia gender non esiste. C’è ancora chi dice che non c’è un’ideologia perversa che si è insinuata nelle istituzioni, nei media tra gli opinion makers.

Allora, chi fosse di questa idea è invitato a guardare il video della pubblicità di pannolini per bambini qui sotto: è stata CENSURATA dall’Authority garante perché SESSISTA.

Continua a leggere

L’ideologia gender è contro l’Islàm

Un’intervista all’imam di acilia

Questa breve intervista è apparsa sul sito www.notizieprovita.it . Le parole dell’Imam Mohamed sono semplici e chiare, e la contrarietà dei musulmani all’ideologia gender ne risulta inequivocabile.

No gender, no unioni civili:
Mussulmani in piazza il 20 giugno

Anche per l’Islam vale la legge naturale (che dovrebbe valere per ogni essere umano).
E quindi anche per i Musulmani il gender e le unioni civili  sono un abominio.

L’Imam della Moschea di Acilia, Mohamed, ha gentilmente risposto ad alcune domande a proposito della prossima manifestazione del 20 giugno a San Giovanni.

Cosa ne pensa, Imam, dell’introduzione dei progetti educativi scolastici ispirati dall’ideologia del gender?

– Sono assolutamente contrario, si tratta di progetti contro natura. La nostra Moschea di Azhar in Egitto (v. foto), nostra suprema autorità, ha già concordato con il Vaticano una comune opposizione a queste teorie che danneggiano la sana crescita dei bambini e li confondono.

Acilia

La moschea di al-Azhar al Cairo.

Continua a leggere

Il paradosso norvegese

La teoria gender è una bufala

Questo video è una lucidissima inchiesta di un giornalista norvegese sulla presunta “scientificità” della teoria gender. Ascoltando le inesistenti motivazioni dei sostenitori di questa, verrebbe spontaneo sganasciarsi dalle risate, se l’argomento non fosse terribilmente serio.

Francesco contro l’ideologia gender

Il pontefice cattolico per il matrimonio uomo-donna

Un intervento molto importante del pontefice cattolico Papa Francesco, tanto più significativo in quanto fa seguito ad altri interventi sullo stesso argomento, e sullo stesso tenore, che si erano avuti recentemente. La ripetizione continua di questa chiara posizione di rifiuto al gender equivale ad un esplicito invito a tutti i cattolici, soprattutto ma non solo, a mobilitarsi.

Porto Rico, 09 giugno 2015

Papa Francesco: no all’ideologia gender, custodire il matrimonio uomo-donna

Lo ha affermato con forza il Santo Padre nel discorso ai vescovi di Porto Rico ricevuti in visita ad Limina. Il Pontefice ha dedicato una parte importante del suo intervento proprio alla pastorale familiare.

“Permettetemi di richiamare la vostra attenzione sul valore e sulla bellezza del matrimonio. La complementarità tra l’uomo e la donna, vertice della creazione divina, è oggi messa in discussione dalla cosiddetta ideologia di genere, in nome di una società più libera e più giusta. Le differenze tra uomo e donna non sono per la contrapposizione o la subordinazione, ma per la comunione e la generazione, sempre a “immagine e somiglianza” di Dio. Senza la reciproca dedizione, nessuno dei due può comprendere nemmeno se stesso in profondità”. Lo denuncia Papa Francesco in un messaggio ai vescovi di Porto Rico ricevuti in visita ad Limina.

Papa Francesco contro la colonizzazione gender

Un’idea molto chiara

Queste poche parole del pontefice cattolico, concesse all’interno di un’intervista durante un viaggio in aereo, dimostrano che ha idee molto chiare sull’argomento, anche per ciò che riguarda le modalità pratiche con cui l’infernale ideologia gender viene introdotta: praticamente sempre, si tratta di sotterfugi, ricatti, imbrogli. Per introdurre subdolamente un’ideologia cui il popolo nella stragrande maggioranza sarebbe contrario.

Roma, lezione gender coi nostri soldi

Questo articolo è stato pubblicato sul sito del quotidiano romano Il Tempo. In giorni in cui l’amministrazione capitolina è travolta dalla bufera dell’inchiesta “mafia capitale”, i politici non trovano nulla di meglio che insegnare ai propri dipendenti… l’ideologia gender. Evidentemente è un passo necessario oggi per chi vuole far carriera in politica. Ricordiamoci tutto, specialmente quando andiamo a votare.

04/06/2015 06:02

IL NUOVO VOLTO DELLA CAPITALE

Lesbiche, gay, bisex, trans.
Lezioni di “gender” ai dipendenti comunali

Dieci corsi curati dall’università di Bologna rivolti al personale che lavora con il pubblico

Un ingresso degli uffici del Comune di Roma

Dipendenti capitolini a lezione di “approccio” al mondo gender. È in corso in questi mesi un programma di formazione per alcuni dipendenti capitolini per aiutarli ad avere un approccio più consapevole verso il mondo gender – ha annunciato l’assessore al Patrimonio con delega alle Pari opportunità di Roma Capitale, Alessandra Cattoi, durante la conferenza stampa di presentazione del Roma Pride alla Città dell’altra economia a Testaccio – questo per abbattere i pregiudizi e per rendere la vita più semplice sia all’utenza, ma anche ai lavoratori stessi». Già in passato, ricordiamo, a Palazzo Senatorio cercavano un esperto in «tematiche Lgbt», ovvero Lesbiche, Gay, Bisessuali, Transessuali, una figura professionale che il direttore di Risorse Umane avrebbe dovuto individuare all’interno dell’amministrazione «per le esigenze del dipartimento Servizi Educativi e Scolastici, giovani e pari opportunità», cioè quello giudato dall’assessore Cattoi.

Tornando all’ultima iniziativa, si tratta in totale 10 corsi, curati dall’università di Bologna, rivolti alle categorie di dipendenti che per mansioni si trovano più a stretto contatto col pubblico, in particolare il personale capitolino a cui è rivolta la formazione comprende operatori della Polizia municipale, assistenti sociali, funzionari amministrativi degli uffici Anagrafe e dell’Uro e operatori dei Centri di orientamento al lavoro.

«Ai lavoratori – ha continuato la Cattoi – verranno spiegati molti aspetti relativi al “gender”: dalle terminologie alla conoscenza delle varie categorie».

I moduli formativi riguarderanno così «la normativa nazionale e internazionale in materia; le differenze e discriminazioni di genere, di orientamento affettivo e sessuale; omogenitorialità e presa in carico di nuove configurazioni familiari; rete dei servizi LGBT e presa in carico di vittime di omofobia e transfobia; transessualità – spiegano dal dipartimento Patrimonio – durante le lezioni vengono presentati studi di caso e testimonianze correlate ai temi affrontati e alla pratica professionale del gruppo formato».

Erica Dellapasqua