Una conferenza molto interessante

Il primo convegno del Comitato Genitori Trieste

Questa è la prima conferenza organizzata dal Comitato Genitori Trieste, incentrata sull’ideologia gender e sull’opposizione al cosiddetto “Gioco del Rispetto”, così come viene pubblicata sul sito  www.comitatogenitoritrieste.it .
L’iniziativa è stata seguita e appoggiata anche dal sito www.civiltaislamica.it  , a dimostrazione che l’argomento suscita molto interesse anche fra i musulmani, e che il movimento no-gender deve caratterizzarsi per aconfessionalità e universalità.
.
oOo
.

Convegno
Comitato genitori Trieste

Prima iniziativa pubblica del neo costituito Comitato genitori Trieste, in difesa del diritto all’educazione dei genitori ai loro figli, quei genitori che agiscono credendo moralmente corretto esercitare i propri diritti di genitori nell’assoluta consapevolezza della propria responsabilità educativa, quella responsabilità educativa che è irrinunciabile e non delegabile. Il Comitato vuole offire ai genitori come noi la possibilità di acquisire gli elementi conoscitivi essenziali per comprendere i tanti progetti presentati nelle scuole; anche per questi progetti per i quali vengono richieste le autorizzazioni ai genitori dalle scuole, si è liberi di scegliere solo quando si è consapevoli, e si è consapevoli solo quando l’informazione non è filtrata, parziale, incompleta. Lo Stato deve rispettare il diritto dei genitori di provvedere all’educazione dei loro figli secondo le proprie convinzioni religiose e filosofiche e deve garantire ai genitori che la libertà dell’educazione sia rispettata. E’ quindi doveroso come genitori vigilare sui progetti, inseriti nei POF e non, presentati nelle scuole e riguardanti soprattutto tematiche eticamente sensibili, prestando molta, ma veramente molta, attenzione su ciò che viene proposto.

.

Sono intervenuti il Dr. Gilberto Gobbi, psicologo, psicoterapeuta e sessuologo clinico, e la Dott.ssa Valentina Morana, psicologa investigativa, psicoterapeuta e portavoce de “La Nostra Campagna”.
Il Dottor Gobbi ha parlato del bene dei bambini, della loro educazione e formazione, della necessaria “presenza” di mamma e di papà, della collaborazione fra scuola e famiglia e, in particolare, di come si struttura l’ identità psico-sessuale nell’infanzia. Ha parlato con scienza e coscienza di valori irrinunciabili.

La Dott.ssa Morana ha parlato dello sviluppo del bambino in età 3/6 anni, su quali competenze sono presenti in questa età e su ciò che un bambino non riesce ancora a fare a livello di capacità cognitive. Attraverso alcuni esempi , ha trattato di azioni che vanno ad ostacolare lo sviluppo dell’IO del bambino, invece di favorirlo, attraverso la richiesta di azioni educative impossibili per l’età, di azioni di destrutturazione della base familiare e di azioni di potenziale rischio. In conclusione ha riportato alcuni esempi di educazione civica per bambini di scuola dell’infanzia.

La serata si è conclusa con un intervento di Massimo Zucchi, rappresentante di Civiltà Islamica, che ha parlato dei diritti e dei doveri all’educazione nella famiglia di religione islamica, sottolinenando ed evidenziando come certe tematiche non abbiano colore o religione, ma riguardino tutte le famiglie.

Una serata seguita da un pubblico molto interessato ed attento che ha dimostrato di aver molto apprezzato questa nostra iniziativa e che noi ringraziamo con riconoscenza.

 

I commenti sono chiusi.